Loading...
Culture

The Best Chef Award 2021. Ecco come è andata.

_MG_4110.jpg

Dopo l’edizione digitale del 2020, quest’anno iBest Cheftornano a incontrarsi di persona ad Amsterdam, città dal fascino innegabile e con un panorama culinario esplosivo. 

La lista di quest’anno include chef da 29 Paesi, tra cui la Spagna primeggia con 15 talenti. L’Italia è rappresentata da 9 chef nel ranking e due premi speciali Best Pizza Chef e Lifetime Achievement. 

“Con lo slogan Back to Live, Back to reality la nostra idea era di lasciarci alle spalle l’edizione virtuale del 2020 per fare un grande ritorno ad Amsterdam, dove i partecipanti potessero incontrarsi, dialogare con i propri colleghi da tutto il mondo, nel contesto di una delle più interessanti città europee, piena di arte, architettura, sapori e storia”, afferma Cristian Gadau, co-fondatore dell’iniziativa. 

Il vincitore di quest’anno non è una sorpresa. Dabiz Muñoz, chef del ristorante DiverXO di Madrid (e di altri indirizzi come il GoXo) è noto per la sua creatività estremamente spinta e la sua geniale abilità di reinventarsi con gusto. 

Poco dopo aver ricevuto l’Innovation Award a Parigi durante la cerimonia di La Liste, si è aggiudicato anche questo prestigioso riconoscimento, dichiarando: “Stiamo superando le difficoltà dovute alla pandemia, questo premio è un onore, è un sogno. Significa molto per me e mi spinge verso maggiori responsabilità. Stiamo migliorando ogni aspetto all’interno del mondo XO e questo è un riconoscimento per il nostro duro lavoro”. 

Per lui questo premio contribuisce a valorizzare anche l’immagine della città di Madrid, “che per me è una delle città più interessanti del momento dal punto di vista gastronomico”. Ha anche dato seguito alle idee discusse nel corso della giornata di ieri a proposito della necessità di far evolvere il modello di business dei ristoranti, ritrovare un equilibrio tra vita e lavoro per i collaboratori, proponendosi in prima persona di ripensare anche a questi aspetti. 

Il premio The Life Achievement Legend è andato ad Alfonso Iaccarino, il cui impatto nel mondo della ristorazione è impareggiabile. Lo chef del ristorante Don Alfonso 1980 di Sant’Agata h a dichiarato che il premio gli ha dato grande felicità e soddisfazione. “Ora che mio figlio mi è subentrato in cucina, io mi occupo della nostra azienda agricola Le Peracciole, e sono fiero dei traguardi raggiunti nella mia vita. Se guardo indietro al periodo tra il 1997 e il 2002, il nostro ristorante è stato il primo nel Sud Italia a prendere la terza stella. Nel futuro penso che dovremmo pensare di più all’impatto del cibo sulla nostra salute. Per 30 anni mi sono speso per la protezione della natura, è molto importante.”

La celebrazione del talento italiano è continuata con un premio creato quest’anno per valorizzare uno dei nostri piatti più importanti. Il Best Pizza Chef Award è stato assegnato al Maestro Franco Pepe che nella sua pizzeria Pepe in Grani ha trasformato il piccolo centro di Caiazzo nella capitale della pizza, accogliendo visitatori da tutto il mondo. 

Al 69° posto troviamo Floriano Pellegrino, pugliese giovane ed energico, presente alla premiazione insieme alla sua compagna, chef Isabella Poti, con cui gestisce il ristorante Bros a Lecce, lavorando incessantemente per valorizzare la città di Lecce tra le mete gastronomiche italiane e mondiali. 

Lo chef Björn Frantzén, che di recente ha confermato la terza stella, ha vinto il Voted By All Chefs Award ed è arrivato 2° nella classifica generale. Emozionatissimo, ha dichiarato: “è fantastico, ovviamente. Dietro questo premio c’è del duro lavoro e la pandemia è stata molto faticosa, ora ogni occasione di riportare la ristorazione al centro della scena è preziosa. Non vedo l’ora di festeggiare con tutto il team.”

Qui di seguito tutti i Premi Speciali:

- The Best Chef Top100: Dabiz Muñoz, Spagna. Il secondo posto è per Björn Frantzen (Svezia), il terzo posto per Andoni Luis Aduriz (Spagna)

- The Best Chef Rising Star: Fatmata Binta dalla Sierra Leone, per il suo talento e per i progressi nel mondo della gastronomia.

- The Best Chef Fol-LOVERS Award: Manoella "Manu" Buffara, Brasile. Questo premio valorizza l'opinione del pubblico dei follower di The Best Chef sui social media.

- The Best Chef Pastry Award: Maša Salopek, Slovenia.

- The Best Chef Food Art: Vicky Lau, Cina, dedicato al miglior artista tra tutti gli chef.

- The Best Chef Gourmet: RIJKS di Amsterdam, Joris Bijdendijk (executive chef), Ivan Beusink (chef de cuisine) e Yascha Oosterberg (chef de cuisine) vincono il premio per il miglior ristorante della città ospitante.

- The Best Chef New Entry Award: Henrique Sá Pessoa, Portogallo, lo chef che ottiene il punteggio più alto tra tutti i nuovi candidati.

- The Best Chef votato dagli Chef: Björn Frantzen, Svezia. 

- The Best Chef Science Award: Joan Roca, Spagna per essersi distinto per ricerca, sperimentazione, tecniche e trasformazioni.

- The Best Chef Legend: Alfonso Iaccarino, Italia, il miglior chef non più attivo in cucina come chef, ma che ha ancora un impatto cruciale sul mondo della gastronomia.

- The Best Chef Pizza: Franco Pepe, Italia, un nuovo premio nato per celebrare il miglior pizzaiolo del mondo.

_MG_2194.jpg
_MG_1885.jpg The Best Chef Legend: Alfonso Iaccarino dall'Italia.
_MG_2086.jpg The Best Chef Pastry Award: Maša Salopek dalla Slovenia
_MG_1915.jpg The Best Chef Rising Star Award: Fatmata Binta from Sierra Leone
_MG_1935.jpg The Best Chef Pizza Award: Franco Pepe from Italy
_MG_1959.jpg The Best Chef Fol-LOVERS Award: Manoella "Manu" Buffara from Brazil
_MG_2003.jpg The Best Chef Gourmet Award: RIJKS from Amsterdam (host city) Joris Bijdendijk (executive chef)

Stay Tuned!

Rimani sempre aggiornato sul mondo di Tuorlo Magazine.